orari celebrazioni

Lunedì
non si celebrano sante Messe

Martedì
ore 10
I e III martedì ore 16 a Villa Serena

Mercoledì
ore 10

Giovedì
ore 10 con adorazione eucaristica

Venerdì
ore 10 presso cappella Ospedale

Sabato
ore 18

Domenica
ore 10

Martedì
ore 9
II e IV martedì ore 16 al Turati

Mercoledì
ore 16:15 ora di preghiera
ore 17

Giovedì
ore 9

Venerdì
ore 9

Sabato
ore 17

Domenica
ore 11

Domenica
ore 9

Sabato
ore 16

vicariato della montagna »

meditazione del giorno

CRISTO CI APRE LA VIA
San Cirillo d'Alessandria (380-444), vescovo e dottore della Chiesa
Commento al Vangelo di Giovanni, 9; PG 74, 182-183

"Nella casa del Padre mio vi sono molti posti. Se no, ve l'avrei detto. Io vado a prepararvi un posto" (Gv 14,2)... Il Signore sapeva che molti posti erano già pronti e aspettavano l'arrivo degli amici di Dio. Dà quindi un'altra ragione della sua partenza: preparare la via al nostro ascendere verso quei posti in cielo aprendo un passaggio, mentre prima questa via era impossibile per noi. Perché il cielo era assolutamente chiuso all'uomo e mai alcun essere carnale aveva potuto entrare nel regno santo e purissimo degli angeli. E' Cristo che ha aperto per noi la via al cielo. Offrendo se stesso a Dio Padre come primizia di coloro che dormono in terra nelle tombe, ha permesso alla carne di salire in cielo ed è stato lui stesso il primo uomo ad apparire a suoi abitanti. Gli angeli non conoscevano il grandioso mistero dell'intronizzazione celeste della carne. Vedevano con stupore e ammirazione l'ascensione di Cristo. Turbati a questo spettacolo sconosciuto, esclamavano: "Chi è costui che viene da Edom?" (Is 63,1), cioè dalla terra. Ma lo Spirito non ha permesso che restassero nell'ignoranza... Ha ordinato che si aprano le porte davanti al Re e Signore dell'universo: "Principi, aprite le vostre porte, porte antiche, ed entri il re della gloria!" (Sal 24,7 LXX) Nostro Signor Gesù Cristo ha inaugurato per noi "questa via nuova e vivente"; come dice San Paolo "non è entrato in un santuario fatto da mani d'uomo, figura di quello vero, ma nel cielo stesso, per comparire ora al cospetto di Dio in nostro favore" (Eb 10,20; 9,24).

Meditazione a cura di vangelodelgiorno.org »

Liturgia di oggi

05 maggio 2016 -Giovedì della VI settimana di Pasqua

B. Nunzio Sulprizio, giovane operaio (1817-1836)

At 18,1-8.
Sal 98(97),1.2-3ab.3cd-4.

Gv 16,16-20.

liturgia completa »
liturgia delle ore »